Italiani di Argentina

 E’ la storia di un tango meraviglioso dalla musicalità avvolgente e dalle parole commoventi: voglio raccontarvi la storia della compositrice di una delle musiche di tango argentino più importante e conosciuto al mondo : Lei è¨ Rosita Melo, il brano è “Desde el alma”, gli autori del  testo sono Homero Manzi e Vi­ctor B. Piuma Velez :

Con la grande voce di Nelly Omar:          “DESDE EL ALMA”

“Alma, si tanto te han herido                Anima, se ti hanno ferito tanto
por què¨ te niegas al olvido?                perchè non cerchi di dimenticare?
Por què prefieres                                    Perchè preferisci
llorar lo que has perdido,                      piangere per quello che hai perduto,
buscar lo que has querido,                    trovare quello che hai amato,
llamar lo que muriò?                               chiamare ciò che è morto?

Vives inutilmente triste                             Vivi inutilmente triste
y sè que nunca mereciste                         e so che non hai mai meritato
pagar con penas                                         pagar con pene
lka culpa de ser buena,                              la colpa di essere buona,
tan buena como fuiste per amor             tanto buona come fosti per amore

Fue lo que empezò una vez,                      Fu quello che iniziò una volta,
lo que despuès dejò de ser.                       quello che poi finìdi essere.
Lo que al final                                               Quello che alla fine
por culpa de un error                                  per colpa di un errore
fue noche amarga del corazòn.                  fu una notte amara per il cuore.

Deja esas cartas!                                           Lascia queste carte!
Vuelve a tu antigua ilusiòn!                         Torna alla tua antica illusione!
Junto al dolor                                                 Con il dolore
que abre una herida                                     che apre una ferita
llega la vida                                                     arriva la vita

trayendo otro amor.                                      portando un altro amore.
Alma, no entornes tu ventana            Anima non socchiudere la tua finestra
al sol feliz de la manana.                                al sole felice della mattina.
No desesperes,                                                 Non disperare,
que el sueno mas querido                              che il sogno più voluto
es el que mas nos hiere,                                  è quello che più ci ferisce,
es el que duele mas.                                         e quello che fa  più male.

Vives inutilmente triste                                     Vivi inutilmente triste
y sé que nunca mereciste                                 io so che non hai mai meritato
pagar con penas                                                 pagare con pene
lka culpa de ser buena,                                     la colpa di essere buona,
tan buena como fuiste per amor        tanto buona come sei stata per amor

Rosa Melo nacque a Montevideo in Uruguay il 9 luglio del 1897. Era la figlia di due emigranti italiani, Michele Mele e Rosa Luciano, di Rionero in Vulture, paese della Basilicata.
Nel 1899, i Mele si trasferirono a Buenos Aires, una città  in pieno fermento, stabilendosi nel quartiere residenziale di Flores. Rosita era dotata di uno spiccato talento musicale tanto che  già  a quattro anni  suonava il piano. Nel tempo, pur non tralasciando gli studi, continuò ad applicarsi alla musica e, a soli quattordici anni, compose il suo primo vals (un tipo di tango che si ispira al valzer viennese): “Desde el alma” (Dall’anima) che diventerà  uno delle musiche di tango più famose al mondo.
Il 23 Febbraio del 1922, sposava il poeta e scrittore Victor B. Piuma Velez, un impiegato ministeriale ma anche scrittore e poeta.
Rosita nel frattempo si diplomava come insegnante di pianoforte  debuttando come concertista, ma la sua vera passione rimase la composizione musicale.
La notorietà  internazionale arrivò nel 1948, quando “Desde el alma” fu inserito in un film di grande popolarità “Pobre mi madre querida” con Emma Gramatica.
Se questo fu il suo brano più conosciuto, Rosita Melo compose tutta la vita benchè molte delle sue opere restano poco note in parte  oscurate da  “Desde el alma” una delle icone del tango.
Victor e Rosa si spensero nel momento più drammatico della storia Argentina, quando, dopo una breve parentesi nel 1973-74, Juan Domingo Peròn venne cacciato definitivamente e i militari presero il potere iniziando una brutale dittatura. In quello stesso anno, il 28 giugno, morì Victor.
Rosita Melo passerà  gli anni della sua vecchiaia nel barrio di Flòres, spegnendosi all’età  di 84 anni il 12 agosto 1981.
L’Argentina ha nominato, tra le sue donne che si sono particolarmente distinte nel campo dell’arte, della cultura, delle scienze e dei diritti, anche Rosita Melo che a soli 14 anni compose  “Desde de Alma” mirabile contaminazione tra il vals-boston, piuttosto lento monoritmico, melodioso assai diffuso e amato negli Stati uniti, ed il vals-criollo  dalla musicalità tipicamente argentina.