rollè di lonza con prugne secche

E’ un secondo di carne dai tanti profumi che si può gustare caldo, accompagnato dalla propria salsina di cottura, o anche freddo abbinato ad  un chutney.
Ai tempi di Dante la lonza indicava un felino , forse una lince, ma la lonza utilizzata per questo piatto, è quella di maiale anche nota come lombo o lombata ed è il taglio ricavato dal muscolo del carrè senza gli ossi, gustoso per la quantità di grasso non eccessiva ma sufficiente a renderlo morbido.
Le prugne secche  sono ricche di minerali, di proprietà antiossidanti e sono al contempo povere di calorie, sono quindi ottime e salutari da mangiare da sole, ma si coniugano molto bene con cibi salati o dolci.


Ingredienti per 6 persone

1 Kg. di lonza di maiale
200 g. di pesto di salsiccia di maiale
1 manciata di pepe bianco
1/2 carota  gialla
1/2 porro
1 spicchio di aglio
12 prugne secche denocciolate
100 g. di fagiolini
1 patata (60 g.)
1 fettina di zenzero
5 filetti di peperoni sottaceto
vino bianco q.b.
sale q.b.
olio e.v.o. q.b.
chicchi di melagrana

Procedimento

  1. Con un coltello ben affilato aprite il trancio di lonza a libro poi battete la carne allargandola.
  2. Unite, in una ciotola, al pesto di salsiccia la patata ridotta a purea, il pepe e lo zenzero tritato finemente.
  3.  In una pentola fate appassire in 4 cucchiai di olio , a fuoco dolce, un trito di  carota, aglio e porro facendo attenzione che non si brucino le verdure.
  4. Dopo aver leggermente salato la superficie della carne con poco sale, stendetevi il pesto di salsiccia e poi allineataci sopra i fagiolini alternandoli con listarelle di prugne secche, quindi arrotolate  la carne  e legatela con spago da cucina.
  5. Ponete il rotolo nella pentola insieme al trito di verdure e fatela rosolare su tutti i lati, aggiungete i peperoni tritati. 6) trascorso qualche minuto salate e aggiungete abbondante vino bianco insieme  a sette/otto prugne secche, fate cuocere lentamente in modo che il sugo si restringa ed evapori l’alcool.
  6. Una volta cotta  fate raffreddare  la carne che sarà quindi più facile da affettare, eliminate la legatura, servite le fettine cospargendole del proprio sugo di cottura e di qualche grano di melagrana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *