Dolcetti di Strudel

Lo Strudel è un dolce tipico dell’Alto Adige e la parola, in tedesco, vuol dire “vortice” infatti il termine rende proprio l’idea della struttura del dolce realizzato arrotolando nella pasta, tirata a sfoglia sottilissima, una farcitura di frutta. Secondo la tradizione popolare la giusta consistenza della sfoglia deve essere quella che permetterebbe di leggervi in trasparenza frasi d’amore. Lo Strudel pare essere una variante di un antico dolce turco chiamato “baciava” ancora oggi molto popolare in Turchia. Sembra che nel 1526 il sultano Solimano abbia diffuso la ricetta in occasione della sconfitta degli ungheresi infatti la trasformazione del “baciava” in Strudel avvenne con l’introduzione, tra gli ingredienti del ripieno, delle mele quasi assenti in Turchia ma molto popolari nell’area magiara. Con la conquista dell’Ungheria da parte dell’Austria nel 1699 lo Strudel si fece strada con successo a Vienna e poi nelle Tre Venezie.
Contravvenendo ahimè al significato della parola Strudel qui l’ho realizzato in formato dolcetti.

Ingredienti per 15 dolcetti:

Per la pasta strudel:

250 g. di farina 00
60 g. di burro
1 uovo
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale
7 cucchiai di acqua

Per il ripieno:

3 mele renette
70 g. di zucchero semolato
50 g. di uva sultanina
70 g. di burro
25 g. di pinoli
3 cucchiai di pan grattato
scorza grattugiata di 1 limone
cannella q.b.
zucchero a velo q.b.

Procedimento:

  1.  Sulla spianatoia impastate la farina con il burro ridotto a pezzetti, lo zucchero, il sale, l’uovo e l’acqua. Lavorate l’impasto fino ad ottenerne una consistenza sostenuta e liscia, avvolgete poi la pasta nella pellicola (senza pvc) trasparente da cucina e lasciatela riposare a temperatura ambiente per almeno mezz’ora.
  2.  Nel frattempo preparate il ripieno facendo ammollare l’uvetta in acqua, riducete poi le mele, dopo averle sbucciate, a dadini e mettetele in una ciotola capiente unendovi l’uvetta ben strizzata, la cannella, lo zucchero, i pinoli, la scorza grattugiata del limone, quindi mescolate bene e lasciate riposare.
  3. Fate fondere il burro in un pentolino aggiungendo poi il pangrattato finissimo che farete rosolare.
  4.  Stendete, con il mattarello sulla spianatoia infarinata, la pasta a sfoglia sottile, tagliatela a rettangoli che porrete su pezzi di carta da forno e sistemateli poi negli appositi stampini: cospargete il fondo di ognuno con poco pangrattato sul quale porrete il ripieno chiudete il tutto con dischi di pasta e sigillate i bordi.
  5. Infornate per 40 minuti in forno preriscaldato a 180°. Trascorso il tempo di cottura sfornateli e, dopo averli fatti raffreddare, serviteli spolverizzati di zucchero a velo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *