Gratin di peperoni

Il peperone, originario dell’America del Sud (Brasile) e della Giamaica, arriva in Europa nel 1493 con il secondo viaggio di Cristoforo Colombo e si diffonde velocemente nel continente europeo trovandovi un clima propizio nelle regioni mediterranee e si può dire che tutte le popolazioni che si affacciano sul Mediterraneo lo conoscono e lo consumano in tanti modi diversi: crudo, arrostito, fritto, in umido.
In Europa questo ortaggio fu chiamato con il termine botanico “Capsicum” parola latina che deriva dal greco Kapto che significa “mordo con avidità”  ma il nome volgare inizialmente fu  “pepe d’India” e “pepe del Brasile”  e solo in seguito assunse il nome di peperone  a causa del suo sapore  molto affine a quello del pepe. Nell’ambiente d’origine è un arbusto perenne mentre nelle nostre zone è coltivato come pianta annuale. Esso appartiene alla famiglia delle solanaceae come il pomodoro, la patata e la melenzana. E’ ricco di vitamina C anche più degli agrumi se lasciato crudo dunque ha molte caratteristiche salutari tra le quali quelle antiossidanti ma è molto ricco anche di betacarotene, varie vitamine del gruppo B e molti sali minerali quali il potassio, il ferro il magnesio ed il calcio. Le varietà dei peperoni sono numerose, ma  è utile fare subito una distinzione cromatica infatti i peperoni non perfettamente maturi hanno sempre una tonalità verde al contrario di quelli maturi che possono essere rossi o gialli. A proposito Leonardo da Vinci usava il peperone essiccato e pestato per ricavarne alcune tinte dei suoi affreschi.
Oggi  vi propongo una ricetta che ha come base i peperoni arrostiti che cotti in questo modo possono essere utilizzati come contorno ma anche come ulteriore condimento per pizze  o per preparare antipasti ed altro ancora, per chi disponesse di un camino potrebbe cuocere i peperoni sulla brace ottenendo sapori e profumi  più intensi e variegati.


Ingredienti per 4 persone:

4 peperoni rossi e gialli tipo magnigold e jolly
2 spicchi di aglio
1 rametto di prezzemolo
olio e.v.o. q.b.
sale q.b.
40 g,  di capperi
50 g. di uva sultanina
150 g. di mollica pane
aceto q.b.

Procedimento:

  1.  Lavate i peperoni e poneteli interi in una padella o su una piastra anti aderente (quella che si usa per grigliare la carne) e fate cuocere a fiamma dolce premurandovi ogni tanto  di rigirarli.
  2.  Dopo circa una cinquantina di minuti, quando i peperoni avranno perso di turgidità e la pellicina esterna risulterà a tratti anche un pò bruciata staccandosi facilmente, i peperoni saranno cotti.
  3. A questo punto togliete la pellicina esterna, apriteli, togliete il torsolo ed i semi, poi su un tagliere stendeteli e con un coltello ricavatene delle listarelle della larghezza che preferite.
  4. A parte sbriciolate la mollica di pane raffermo e conditelo con olio, aglio tritato, uvetta che avrete precedentemente ammollato nell’acqua,  i capperi sgocciolati  e un po’ di aceto.
  5. Riponente i filetti di peperoni in una pirofila da forno e cospargeteli di mollica condita se necessario irrorate con un altro po’ d’olio.
  6. Infornateli  ad una temperatura di 180° per una ventina di minuti  ed infine pochi minuti di grill.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *