Sfogliette di Baccalà con i Cruschi

E’ un piatto molto semplice da realizzare ma dai sapori intensi e sorprendenti che riunisce in sè i profumi della terra e del mare baciati dal sole.
Il
peperone crusco, piantato tra febbraio e marzo, viene raccolto all’inizio di agosto. Nei paesi della Basilicata sono appesi a finestre e balconi, intrecciati insieme con ago e filo dal picciolo, i peperoni formano lunghe collane che il tempo rende sempre più rosse. Il peperone di Senise, paese della Basilicata, riconoscibile per la dimensione( più piccolo) e per la forma(appuntito, tronco o a uncino) è detto anche zafaran forse perchè il colore dei peperoni secchi ridotti in polvere ricorda quello dello zafferano.

Ingredienti per 4 persone:

400 g. di baccalà bagnato
8 peperoni cruschi di Senise
olio e.v.o.

Procedimento:

  1. Mettete il baccalà coperto di acqua a bollire in una pentola per circa 10 minuti ( se non lo trovaste già bagnato potete comprare quello secco, ma per dissalarlo bene dovete tenerlo a bagno, cambiando spesso l’acqua, per almeno 3 giorni ).
  2. Una volta cotto il baccalà ( vi consiglio di assaggiarlo perchè, qualora risulti ancora troppo salato, non aggiungerete sale successivamente ) spinatelo, togliete la pelle e riducetelo con le mani a sfogliette.
  3. In una padella antiaderente mettete quattro cucchiai di olio fatelo riscaldare e aggiungete i peperoni cruschi interi o ridotti ad anelli, fateli rosolare fino a risultare croccanti.
  4. Una volta cotti i peperoni scolateli e riponeteli in una terrina mentre nell’olio rimasto nella padella mettete le sfoglie di baccalà facendole soffriggere piano per una decina di minuti in modo che si insaporiscano.
  5. Disponete il baccalà in un piatto da portata cospargendolo di cruschi e buon appetito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *