Vellutata di broccolo romanesco con puntarelle

Oltre che bellissimo da vedere per via della disposizione geometrica delle sue cime che richiama i “frattali” cioè oggetti geometrici che si ripetono nella loro struttura nel medesimo modo su scale diverse, il broccolo romanesco è anche ottimo da mangiare, è molto saziante ha un basso contenuto di  calorie e contiene vitamina C e calcio. Sin dall’antichità nella campagna romana era presente la coltivazione di questo ortaggio di cui fa menzione Gioacchino Belli in un suo sonetto del 1834 definisce l’ortolano che lo vendeva “Tozzetto” riferito proprio al torso del broccolo romanesco  da lui coltivato e poi venduto. Questo piatto pur essendo molto semplice da preparare  è raffinato per la sua delicatezza esaltata dal gusto speciale del pepe nero di Serawak , spezia originaria del Borneo che racchiude in sé note fruttate e lievemente resinose che dona generosamente alle pietanze. Vi consiglio di gustare questa crema non troppo calda perché meglio si avvertiranno i variegati sapori di cui è composta.

Ingredienti:

1 broccolo romanesco
300 g. di puntarelle
150 ml di panna liquida
100 ml di latte
parmigiano q.b.
sale q.b.
pepe nero di Sarawak
olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

  1. Pulite il broccolo e lessatelo in acqua salata, a parte scottate le puntarelle in acqua bollente per pochi secondi e saltatele poi in poco olio con uno spicchio di aglio .
  2. In una pentola ponete il cavolfiore la panna, il latte e con un  frullatore ad immersione riducete il tutto a purea, fate cuocere a fiamma moderata, sempre mescolando, per un quarto d’ora, poi aggiungete il parmigiano ed il pepe.
  3. Servite in una ciotola o in un bicchiere sistemando prima le puntarelle poi la crema di cavolfiore ed infine  puntarelle per la finitura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *